Marketing & Communication

Sonect, la startup svizzera riceve importanti investimenti

Sonect

Sonect, la startup svizzera riceve importanti investimenti. La nuova vita della gestione del denaro contante sui principi della share economy

Sonect, startup fintech svizzera, chiude un round di investimenti da 1,3 milioni di euro sulla piattaforma fintech Doorway.

Stiamo parlando di uno dei più importanti investimenti  che porterà a una notevole espansione della società a livello internazionale. L’idea è ovviamente quella di far crescere Sonect e giocare d’anticipo su quelle che saranno le sfide dal 2022 in poi.

La startup è stata fondata nel 2017 a Zurigo e si occupa di fornire servizi di prelievi di contante retailer convenzionati; l’idea è che qualsiasi negozio possa diventare un punto per la gestione dei contanti e dei prelievi, come in una sorta di share economy.

La società nasce, nello specifico, per rispondere a tre bisogni principali: garantire ai consumatori un accesso al contante in maniera più semplice a prescindere dalle banche; abilitare nuovi servizi per i clienti e garantire loro maggiori sicurezze; consentire alle banche di abbassare i costi di gestione di sportelli ecc.

In questi pochi anni di attività Sonect è diventato uno dei più grandi network di ATM con decine e decine di utenti. Da maggio, opera anche con la piattaforma TWINT, a cui fanno riferimento tutte le maggiori banche del paese e oltre 3 milioni di utenti.

Ovviamente questo ha portato a un aumento vertiginoso di presenza sulla piattaforma, con il +600% di utenti e +1000% per le transazioni.

Grazie a questo investimento la società punta ad espandere il proprio servizio anche in ambito internazionale.

Sonect, progetti per il futuro

In italia il servizio dovrebbe diventare operativo entro la fine dell’anno grazie alla partnership con una delle principali banche del nostro paese. 

Ovviamente l’espansione di Sonect punta all’Europa intera e al Sud America; se solo nel nostro continente ci sono state oltre 7,4 miliardi di prelievi nel 2020, il “vecchio mondo” si dimostra ancora terreno fertile per progetti del genere che possono raggiungere una diffusione decisamente interessante.

Ovviamente parliamo di una innovazione che rappresenta enormi benefici per tutta la filiera del contante; una realtà strategica che può portare a una rapidissima espansione in tutto il mondo a patto che non vengano inasprite le sanzioni sull’utilizzo del contante a beneficio di carte di credito e quant’altro.

Oltretutto parliamo anche di una considerevole riduzione dell’impatto ambientale grazie a una gestione più virtuosa delle operazioni bancarie che non graverebbero più solo su banche e sportelli.

Sonect, la startup svizzera riceve importanti investimenti

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: