Startup & Entrepreneurship

LightSpeed, tra le startup selezionate anche l’italiana COP

Tra i reati che COP tratta troviamo: misoginia alla xenofobia, islamofobia, omofobia, antisemitismo, diffamazione, stalking, revenge porn, cyberbullismo, hate speech e molto altro ancora.

LightSpeed è il primo acceleratore dedicato al mondo delle startup in ambito legale, contabile e fiscale.

Tra le sei realtà imprenditoriali che entreranno a far parte del progetto una è italiana, COP, che è riuscita a scalzare oltre sessanta candidati da tutta Europa, diventando di fatto una delle sei startup a entrare nel team di LightSpeed.

Chi Odia Paga, la startup italiana nel team di Lightspeed

COP, Chi Odia Paga, la prima piattaforma legaltech tutta italiana che aiuta le persone a difendersi in modo semplice e sicuro da tutte le forme d’odio che, dalla vita reale, sono pericolosamente migrate sul web.

Con questa innovativa App si potrà facilmente scoprire se si è vittima di un reato d’odio e in rete e, in quel caso, ricevere prontamente supporto e aiuti legali.

Secondo la piattaforma, tutti gli strumenti di tutela legale che attualmente ci sono non permettono alle persone di difendersi al meglio da insulti e minacce che si ricevono in rete; occorre quindi uno strumento che sia in grado di rispondere alle esigenze derivanti da nuove minacce sempre più concrete.

Tra i reati che COP tratta troviamo: misoginia alla xenofobia, islamofobia, omofobia, antisemitismo, diffamazione, stalking, revenge porn, cyberbullismo, hate speech e molto altro ancora.

LightSpeed, tra le startup selezionate anche l’italiana COP

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: