Corporate Innovation

Perché il consulente di immagine in azienda oggi è fondamentale?

Consulente d'Immagine Aziendale

Il Consulente d'Immagine Aziendale è una figura fondamentale: aiuta a rendere più competitivo un business e farlo emergere sulla concorrenza.

Il consulente d’Immagine aziendale si occupa principalmente di curare l’immagine, la comunicazione e il marketing di una realtà produttiva. Principalmente ha il compito di consigliare ai dirigenti il modo più efficace per organizzare la comunicazione e di gestire al meglio tutto ciò che riguarda gli investimenti in pubblicità e affini. Ovviamente si parla di un professionista che fa conoscere un business, con la possibilità di entrare nel merito anche in altri ambiti che mettono al centro del loro essere la creatività in tutte le sue forme. Per questo a un consulente d’immagine aziendale si richiede una buona cultura generale e competenze ad ampio spettro che riguardano gli ambiti più disparati.

Professione Consulente d’Immagine per aziende

Parlando di immagine, è chiaro che in molti casi l’aspetto esteriore è di fondamentale importanza, poiché aiuta in termini di credibilità, di fiducia del cliente e di autorevolezza. Non è solo una questione “puramente estetica”; è un modo per differenziarsi in maniera ben definita dalla concorrenza e permettere di essere riconoscibile come marchio. 

Per questo il primo passo per un Consulente d’Immagine sarà quello di curare tutti i dettagli estetici che siano in grado di rimandare alla filosofia dell’impresa a livello, anzitutto, visivo; ma col fine di indicare e definire l’identità di tale impresa, in modo da poter essere SEMPRE riconoscibili e ben individuabili dai potenziali clienti.

Per questo motivo i più grandi brand del mondo si affidano ai servizi dei Consulenti d’Immagine: per cercare di emergere nel migliore dei modi sugli altri e raccontare un qualcosa che li caratterizza.


Leggi anche Dal talento al business episodio tre: Giovanna Vitacca, style and communication consultant


Lo step successivo e più importante nella professione del consulente d’immagine: comunicare

Successivamente si passerà dal curare ogni tipo di comunicazione, in prospettiva di far arrivare alle persone determinati valori e determinate particolarità; il campo d’azione però si sposterà da quello visivo verso gli altri canali come i social, la pubblicità, la creazione di contenuti e via dicendo.

È fondamentale aggiungere diversi elementi validi alla propria strategia di comunicazione; elementi che siano in grado di definire lo stile dell’impresa; il target a cui si rivolge; gli obiettivi a cui puntare; la filosofia aziendale e via dicendo. L’idea è di impostare una comunicazione a 360° che parte dall’immagine, ma che, alla fine, arriva ben oltre e coinvolge gli ambiti più disparati.

E la parola d’ordine in questo caso è dinamicità: la stagnazione nella comunicazione e nell’immagine è nemica delle aziende di successo. Rinnovando di volta in volta il proprio look e le proprie strategie, riuscendo a restare comunque riconoscibili, è la sfida più grande che un Consulente d’Immagine deve affrontare.

Tuttavia riuscire in questo intento è l’unico modo per attirare l’attenzione dei potenziali clienti che si avvicinano a un brand per soddisfare le proprie esigenze. È un investimento per il futuro che, di volta in volta, vale la pena rinnovare per la sopravvivenza delle singole imprese in un mercato sempre più saturo.

Comunicare la professionalità e l’unicità di un business è un discorso molto serio che deve essere affrontato con una strategia efficace e mirata; per questo stiamo parlando di una professione sempre più richiesta e sempre più complicata che fa del Consulente d’Immagine un professionista indispensabile all’interno della propria azienda.

Cosa fa un Consulente d’Immagine?

Per capire cosa fa nello specifico un professionista del settore, bisogna anzitutto capire il potere delle immagini e la loro capacità di raccontare chi o cosa siamo.

Un’immagine sbagliata di sé o del proprio business, ovviamente, trasmette un messaggio sbagliato che non è adatto a quello specifico contesto e non riesce a spiegarlo fino in fondo.

Il lavoro del Consulente d’Immagine nasce proprio per questo: per aiutare aziende e imprenditori a trasmettere il messaggio giusto attraverso ciò che gli altri vedono.

Anzitutto per entrare in contatto con questa professione bisogna avere senso estetico; buongusto se vogliamo, ma anche una conoscenza delle immagini e del loro significato. L’abito potrà anche non fare il monaco, ma in molte situazioni la prima impressione è quella che conta. Pensiamo, ad esempio, di avere bisogno di un professionista per un qualsiasi motivo. Senza conoscere niente del suo lavoro e della sua persona, la prima cosa che salterà all’occhio sarà il suo sito, i suoi profili social e la sua figura.

Chi si affiderebbe a qualcuno con un sito poco accattivante a livello visivo? Chi sceglierebbe un professionista che non cura i social o che li cura in maniera approssimativa? Molto più semplicemente, chi sceglierebbe un’attività commerciale senza l’insegna, con la vetrina spaccata e i muri scrostati?

Individuare e correggere i problemi di branding delle aziende

Il primo compito del Consulente d’Immagine, quindi, è quello di individuare e correggere i problemi nel “look” delle aziende; curare i loro siti e, magari, delle personalità che le rappresentano. Non parlo di look in senso letterale; si parla di “appeal”, per indicare il fascino di tutta una serie di fattori che devono comunicare chiaramente con i potenziali clienti e, appunto, li devono affascinare.

Per fare questo, un Consulente d’Immagine deve:

  • studiare le realtà con cui lavora;
  • capire come valorizzarne al meglio le caratteristiche chiave, quelle che le rappresentano;
  • trovare il modo migliore per comunicare queste unicità alle persone affinché restino colpite (in positivo ovviamente) da un determinato brand o prodotto.

Insomma l’immagine è importante, ma è solo la punta dell’iceberg di uno studio che entra in profondità e snocciola quelle che sono le potenzialità di un business.

Il ruolo del Consulente d’Immagine aziendale è proprio questo: individuare potenzialità e particolarità dei suoi clienti e trovare il modo per comunicarle al meglio. Comunicazione su più settori, attenzione per i dettagli, uno sguardo critico volto al miglioramento, e il gioco è fatto. 

Quali sono i vantaggi nel rivolgersi a un Consulente d’Immagine?

Il principale vantaggio nel chiedere l’aiuto di un Consulente d’Immagine Aziendale è il costruire un’immagine aziendale più forte e più solida, che sia riconosciuta a colpo d’occhio dai potenziali clienti e che, chiaramente, faccia distinguere dalla concorrenza. Un’immagine che deve rappresentare al meglio l’azienda e i suoi valori a qualsiasi livello gerarchico. Non è importante se si parli di un dirigente o di un operaio; costruire un’immagine aziendale forte è un processo che riguarda tutti coloro che lavorano per quel brand o attività.

Rinnovare l’immagine aziendale deve essere un modo per lanciare un messaggio coerente e chiaro su quelli che sono i valori del business. Questi valori definiscono ciò che sta a cuore all’impresa e ciò che con il suo lavoro e i suoi servizi vuole rappresentare per i potenziali clienti. 

Chiedere l’aiuto di un Consulente d’Immagine aziendale può essere un modo per fidelizzare i clienti che scelgono i professionisti che ritengono in linea con i propri valori personali; esplicitare dunque tali valori può essere un modo per far avvicinare determinate tipologie di persone.

Ripensare l’immagine della propria impresa può essere anche un modo per offrire nuovi servizi da affiancare a quelli già esistenti. Scegliere un Consulente d’Immagine Aziendale aiuta a rendere più competitivo il proprio business e farlo emergere sulla concorrenza

Perché il consulente di immagine in azienda oggi è fondamentale?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: