Future Trends & Tech

Produrre merci nello spazio, il futuro dell’industria parte da qui

produrre merci nello spazio

Produrre merci nello spazio, il futuro dell’industria parte da qui. Le nuove frontiere della stampa 3D e gli sviluppi del domani

Nel 2013, la NASA ha annunciato che stava collaborando con la società di stampa 3D, Made in Space, su un “esperimento di stampa a zero G“; l’obiettivo del test era vedere se questo tipo di stampanti potessero stampare parti di macchine di ricambio, strumenti e altre attrezzature da utilizzare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Uno dei primi oggetti stampati nello spazio è stata una semplice chiave inglese, necessaria per sostituire la chiave inglese smarrita di un astronauta. Come si è scoperto, questo è stato un esperimento ideale per due motivi: primo, perché ha dimostrato i vantaggi di poter produrre un articolo necessario immediatamente e in loco; piuttosto che dover “telefonare a casa” a Houston e avere un nuovo chiave inglese inviata da un razzo.

E in secondo luogo, a causa del potenziale risparmio sui costi. Portare qualcosa di fisico dalla Terra in orbita costa un minimo di $ 5.000 per chilogrammo. Ma una volta che è possibile prendere le materie prime raccolte “nello spazio” e stamparle in nuovi articoli; il costo per l’orbita si ridurrà al costo dell’invio tramite e-mail di una serie di istruzioni alla stampante.

E c’è anche un terzo vantaggio nella produzione nello spazio, ed è un grande vantaggio per gli investitori. Uno dei migliori motivi per fabbricare cose nello spazio è il fatto che alcune cose possono essere prodotte solo in un ambiente a gravità zero. Questo ci porta a Varda Space Industries e Rocket Lab.

Produrre merci nello spazio, pro e contro

S&P Global Market Intelligence mostra che Varda Space, ha già attirato 51 milioni di dollari in investimenti per l’avviamento da società di venture capital. La società afferma che la sua missione è quella di costruire “il primo parco industriale commerciale a gravità zero” in orbita. Solo lì, dice l’azienda, ci sono le condizioni giuste per produrre “cavi in ​​fibra ottica più potenti” e “nuovi prodotti farmaceutici salvavita” che non possono essere prodotti sulla Terra.

Prima, però, Varda deve dimostrare la fattibilità del progetto. E per questo, si è rivolto al piccolo lanciarazzi e al futuro IPO Rocket Lab, attualmente noto con il nome SPAC , Vector Acquisition Corp.

Come annunciato dalle società la scorsa settimana, Varda ha assunto Rocket Lab per produrre diversi veicoli spaziali Photon per portare in orbita le sue “fabbriche spaziali”. Fondamentalmente, queste “stazioni di produzione” includeranno anche “moduli di rientro” per riportare i prodotti fabbricati nello spazio sulla Terra; che è l’obiettivo finale di mettere le fabbriche nello spazio, dopo tutto.

A questo punto però a molti è sorto un dubbio: se le fabbriche spaziali di Varda sono in grado di produrre con successo prodotti finiti nello spazio; non avranno bisogno di portare con sé le materie prime dalla Terra?

E la risposta a questa domanda è “sì”. Simile a come funzionano le cose con la stampa 3D sulla ISS, Varda dovrà pagare per lanciare sia le fabbriche spaziali stesse, sia le materie prime con cui lavoreranno. Quindi, almeno in questa prima fase dell’esperimento, si parla di produzione estremamente costose.

Detto questo, Varda e Rocket Lab stanno ancora aprendo nuove strade e cercando un modo per mettere in orbita le fabbriche. Se ci riescono, il prossimo passo logico sarà iniziare a cercare materie prime già presenti nello spazio; la luna è il luogo più probabile da cercare. E con l’accesso alle materie prime assicurato, Varda immagina un giorno in cui potrebbe costruire fabbriche spaziali grandi quanto la stessa ISS e produrre merci a gravità zero su larga scala.

Produrre merci nello spazio, il futuro dell’industria parte da qui

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: