Corporate Innovation

MVP, è sempre una scelta saggia “ripiegare” su questi progetti?

MVP

MVP, è sempre una scelta saggia “ripiegare” su questi progetti? Pro e contro di presentare un progetto del genere al mondo intero

Per chi lavora nel campo della tecnologia, il termine “MVP” è probabilmente una delle parole più ricorrenti. Un prodotto minimo funzionale. Un qualcosa realizzato in pochissimo tempo e dato agli utenti quando funziona a malapena. Tutto all’insegna dell’innovazione.

Ma è sempre una buona idea? La risposta è: dipende; perché in alcuni casi potrebbe non essere una mossa saggia. Andiamo a vedere perché.

Quando l’MVP è ancora troppo “giovane”

MVP sono (spesso) sinonimo di startup. Come tale si potrebbe teoricamente presentare anche solo un’idea mai testata o provata con dati e prove a sostegno della sua effettiva fattibilità. In questo senso, tutto potrebbe essere un MVP, ma se l’idea è ancora troppo giovane potrebbe essere un problema.

E se non capisci ancora il problema? E se fosse troppo presto per individuare una soluzione? In tal caso, cosa dovrebbe spingere le persone a interessarsi alla tua idea? Questo sempre nel caso remoto in cui questa funzioni, ovviamente.

In questo senso, sarebbe molto meglio lavorare meglio sul progetto e iniziare a testare tutto ciò che “potrebbe non funzionare” e via dicendo. Insomma, prima di presentare un MVP, è opportuno avere quantomeno qualcosa tra le mani.

Quando il rischio è troppo alto

Quindi stai costruendo il tuo piccolo prototipo riservatezza e sicurezza sono due fattori fondamentali. Del resto non si può presentare al mondo qualcosa che, anzitutto, non sia funzionante e poi che abbia un fattore di rischio troppo elevato.

Bisogna essere sempre sicuri di ciò che si mostra al mondo, soprattutto perché in questo ambito le incognite sono molte e la “catastrofe” è sempre dietro l’angolo.

Se mentre i tuoi potenziali clienti stanno utilizzando il tuo prototipo succedesse qualcosa di più o meno grave, perderesti la loro fiducia per sempre. Per questo è sempre bene consegnare al mondo qualcosa che funzioni e che non comprometta troppo la sicurezza e la credibilità del progetto stesso.

Ricordiamo sempre che, a volte, quando il rischio è troppo alto, un prodotto a malapena funzionale non è l’idea più brillante.

Quando sei sicuro della soluzione

Un MVP è di solito un modo per giocare sul sicuro. Nel caso in cui la tua grande idea non sia poi così grandiosa. Anche qui ci sono delle domande da porsi e riguardano principalmente il fatto di costruire qualcosa che possa essere ovviato in altro modo.

In tal caso, costruire un MVP sarebbe semplicemente ripetere un passaggio precedente. Il che non è direttamente dannoso, ma fa perdere tempo.

E il tempo perso può essere fatale. Quei quattro mesi che dedichi alla creazione di un MVP di cui non hai bisogno sono il momento migliore per una squadra diversa per irrompere e rubare la tua quota di mercato. Quindi, se non hai bisogno di dimostrare che la tua idea funziona, non creare un MVP. Basta costruire il prodotto finale (più o meno) funzionante.

MVP, è sempre una scelta saggia “ripiegare” su questi progetti?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: