New Ways of Working

Google, tagli di stipendio ai dipendenti da remoto. Perché questa scelta?

Google tagli stipendio

Google, tagli di stipendio ai dipendenti da remoto. Perché l'azienda ha fatto questa scelta poco in linea con il New Ways of Working?

Secondo Reuters, i dipendenti di Google potrebbero vedere una riduzione di stipendio se restassero a lavorare da casa in modo permanente anche a fine pandemia.

È un esperimento che si svolge in tutta la Silicon Valley, che spesso definisce le tendenze per altri grandi datori di lavoro. Facebook e Twitter tagliano gli stipendi per i dipendenti remoti che si sono trasferiti in aree meno costose. Tuttavia, lo strumento di calcolo dei salari di Google, suggerisce che i dipendenti da remoto, in particolare i pendolari a lunga distanza, potrebbero subire tagli agli stipendi senza spostarsi.

Un portavoce dell’azienda ha dichiarato: “I nostri pacchetti di compensazione sono sempre stati determinati in base alla posizione e paghiamo sempre nella parte superiore del mercato locale in base a dove lavora un dipendente”; aggiungendo che la retribuzione sarà diversa da città a città e da stato a stato .

I tagli di stipendio di Google da cosa dipendono?

Un dipendente di Google, che ha chiesto di restare anonimo ha parlato con Reuters della sua situazione. L’impiegato di solito fa il pendolare verso l’ufficio di Seattle da una contea vicina; secondo questi calcoli vedrebbe la sua paga tagliata di circa il 10% lavorando da casa a tempo pieno.

Il dipendente stava considerando il lavoro a distanza, ma ha deciso di continuare ad andare in ufficio, nonostante il tragitto di due ore. 

Jake Rosenfeld, professore di sociologia alla Washington University di St Louis che studia la determinazione della retribuzione, ha affermato che la struttura retributiva di Google solleva allarmi su chi subirà gli impatti più acuti, comprese le famiglie.

Gli screenshot del calcolatore di stipendio interno di Google visti da Reuters mostrano che un dipendente che vive a Stamford, nel Connecticut, a un’ora di treno da New York City; sarebbe pagato il 15% in meno se lavorasse da casa. Mentre un collega dello stesso ufficio vive a New York City non vedrebbe alcun taglio. Gli screenshot hanno mostrato differenze del 5% e del 10% nelle aree di Seattle, Boston e San Francisco.

Un portavoce di Google ha affermato che la società non modificherà lo stipendio di un dipendente in base al fatto che passerà dal lavoro d’ufficio all’essere completamente remoto nella città in cui si trova l’ufficio. I dipendenti che lavorano nell’ufficio di New York City saranno pagati allo stesso modo di quelli che lavorano in remoto.

Certo a parole la questione sembrerebbe risolta; bisognerà solo vedere le prossime buste paga e, adesso che la cosa è di dominio pubblico, trovare dipendenti che abbiano il coraggio di denunciare azienda.

Google, tagli di stipendio ai dipendenti da remoto. Perché questa scelta?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: