New Ways of Working

Le dieci domande per definire nuove idee e progetti futuri

progetti futuri

Le dieci domande per definire nuove idee e progetti futuri. Come prendere decisioni e programmare le strategie future di brand e aziende?

La maggior parte del lavoro consiste nel “porsi delle buone domande” per definire nuove idee e progetti futuri.

Avere dei dubbi ed esprimersi è il primo modo per cambiare la mentalità delle persone che sta alla base dei comportamenti organizzativi. Ovviamente parliamo di buone domande che invitano alla riflessione e al confronto.

A seguire una lista di dieci domande che possono aiutare nell’evoluzione e nella pianificazione del proprio business.

1. Qual è la cosa che ti porta energia e gioia?

Questa è una domanda per il check-in, per creare cioè un confronto tra le persone in modo che queste si sentano ascoltate. Questo permette a tutti di essere presenti nei percorsi decisionali e aumenta la sicurezza psicologica.

2. Chi non è nella stanza?

Spesso si prendono decisioni senza chiedere consiglio a persone che saranno interessate o che sono esperti in materia. Una domanda del genere aiuta tutti a diventare più consapevoli di chi non è nella stanza e aiuta a capire se sono già presenti le persone “giuste” o quelle che possono dare un vero apporto positivo al progetto.

3. Cosa intendi fare?

Questa domanda spinge le persone ad esercitare la propria autonomia e distribuisce il processo decisionale. 

4. Puoi dirmi di più sul perché questa soluzione è importante per te?

L’idea è quella di spingere le persone ad articolare un problema e ad esplorare più soluzioni possibile. Chiedere in maniera gentile permette di trovare soluzioni specifiche insieme, piuttosto che sollevare un problema o un bisogno.

5. Come potremmo riformulare questa idea come ipotesi?

Aiuta le persone a capire se le loro idee sono supposizioni o idee concrete. Nessuno può prevedere il futuro e tutti facciamo supposizioni su come le persone si comportano o si comporteranno. Se riformuli quelle idee e piani come ipotesi e ipotesi, diventano tangibili e verificabili. 

6. Di cosa ha bisogno l’utente?

Utile per raccogliere nuove idee su prodotti e servizi e, magari, arrivare a soluzioni mai contemplate prima.

7. Come influirà questo sulle generazioni future?

Ideale per pensare al futuro e andare oltre la programmazione a breve termine. Questa domanda aiuta a prendere decisioni, concretizzare progetti futuri e pianificare soluzioni a lungo/lunghissimo termine. 

8. È sicuro provare?

Scoprire se una decisione è sicura da provare e se è reversibile nel caso non funzionasse. Un modo per dividere il processo decisionale e ripartirlo su più persone; così facendo si avranno più informazioni e dati al riguardo e potrebbero venire meno diverse incognite. 

9. Qualcuno ha obiezioni?

Permette alle persone di focalizzarsi sui punti davvero importanti e, allo stesso tempo, a mettere in evidenza solo i reali punti di disaccordo, senza perdere tempo con formulazioni e alternative a quanto detto fino a quel punto. Questa frase mette in accordo le persone su come procedere nel lavoro, senza focalizzarsi su dettagli “meno importanti”.

10. Cosa smetteremo di fare?

Tutti amano iniziare qualcosa di nuovo: un nuovo progetto, un nuovo prodotto. Le cose nuove si sentono benissimo. L’amore per la novità e la paura della fine guidano molte disfunzioni organizzative, come avere troppo lavoro in corso. Questa è spesso una causa principale di scarso benessere e burnout. Ogni volta che si inizia qualcosa di nuovo, bisogna concordare su cosa fermare per fargli spazio. 

Le dieci domande per definire nuove idee e progetti futuri

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: