Future Trends & Tech

PlasticARM, il primo chip realizzato in plastica anziché in silicio

PlasticARM

PlasticARM, una rivoluzione nel mondo dell'elettronica con il primo chip realizzato in plastica anziché in silicio

I ricercatori di Arm Holdings Ltd. e PragmatIC Semiconductor Ltd. affermano di aver creato il primo vero chip per computer che utilizza la plastica anziché il silicio come materiale di base.

Con questo sistema il chip è più flessibile e potrebbe potenzialmente inaugurare una nuova era in cui i microprocessori vengono utilizzati in oggetti di uso quotidiano.

La ricerca, pubblicata oggi sulla rivista Nature, indica che il silicio è stato l’elemento base dei semiconduttori sin dai primi giorni dell’informatica digitale. Questo grazie a due caratteristiche fondamentali: è il secondo elemento più comune sul pianeta, il che significa che è sia economico che in abbondanza; può funzionare sia come conduttore di energia che come isolante energetico, a seconda di come è implementato.

Ma il silicio non è adatto a tutte le possibili applicazioni informatiche. Uno dei suoi principali limiti è che è incredibilmente rigido e fragile, il che significa che non può essere facilmente integrato nella biologia. E sebbene il silicio sia abbastanza economico da utilizzare su prodotti destinati a durare a lungo, come computer e smartphone; non è abbastanza conveniente per strumenti “superflui” progettati per essere utilizzati una volta e poi gettati via.

PlasticARM, cos’è e come funziona?

Il processore PlasticARM è progettato per superare queste limitazioni.

I ricercatori hanno descritto la loro creazione come “il circuito integrato flessibile più complesso al mondo costruito con TFT in ossido di metallo”, stampati su una pellicola di plastica. I TFT sono transistor a film sottile che possono essere costruiti su superfici più flessibili. Utilizzando la pellicola di plastica come superficie di base, è possibile produrre chip in modo più economico e utilizzarli per scopi diversi.

Il chip in questione è un microprocessore a 32 bit basato sul chip ARM Cortex-MO+ e che supporta l’architettura ARMv6-M. È dotato di oltre 18.000 porte logiche e dispone sia di memoria interna che di un controller. I ricercatori hanno affermato che le versioni future potrebbero incorporare fino a 100.000 porte logiche prima che il consumo di energia diventi un problema.

I ricercatori si sono affrettati a sottolineare che PlasticARM non è inteso come un sostituto del silicio. In termini di prestazioni, efficienza energetica e densità, il silicio mantiene un grande vantaggio che probabilmente non sarà superato presto. Piuttosto, prevedono che i chip di plastica saranno un’opzione nei casi in cui sono richiesti più nuovi fattori di forma e dove il silicio non è conveniente.

Le possibili applicazioni per PlasticARM potrebbero essere “bottiglie intelligenti per il latte o il succo” in grado di analizzare se il contenuto è diventato rancido o meno.

Altre applicazioni includono chip per abbigliamento. I vestiti intelligenti del futuro potrebbero essere in grado di rilevare la temperatura esterna ed espandere o ridurre lo spazio tra le fibre per rendere più confortevole chi lo indossa. Poi ci sono possibili applicazioni biologiche come chip impiantati nel cervello delle persone o biomonitor che potrebbero essere posizionati su un organo interno per monitorarlo.

Oltre ad essere flessibile, PlasticARM è incredibilmente efficiente dal punto di vista energetico. Il chip di prova consuma solo 21 milliwatt di energia all’ora e la maggior parte viene consumata in stato di inattività. Quella potenza potrebbe essere facilmente generata da una cella solare delle dimensioni di un francobollo, o forse in futuro potrebbe essere utilizzata la ricarica wireless.

PlasticARM, il primo chip realizzato in plastica anziché in silicio

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: