Future Trends & Tech

Fusione nucleare, bene i primi test con i raggi laser

fusione nucleare

Fusione nucleare, bene i primi test con i raggi laser. Gli scienziati sono vicinissimi alla svolta per la produzione di energia pulita

Gli scienziati nucleari hanno utilizzato dei laser delle dimensioni di tre campi da calcio nel tentativo di generare un’enorme quantità di energia con la fusione. Questo offre, forse, una speranza per lo sviluppo di una nuova fonte di energia pulita.

Gli esperti hanno concentrato la loro gigantesca schiera di quasi 200 raggi laser su un punto minuscolo per creare una mega esplosione di energia, otto volte più di quanto non avessero mai fatto in passato.

Sebbene l’energia sia durata per un tempo brevissimo – solo 100 trilionesimi di secondo – ha portato gli scienziati più vicini che mai alla fusione; il momento, cioè,  in cui riusciranno a creare più energia di quanta ne stiano usando.

Questo è un risultato storico per la ricerca sulla fusione a confinamento inerziale e potrebbe cambiare radicalmente il settore energetico.

La fusione nucleare sarà l’energia del futuro?

La fusione nucleare è considerata da alcuni scienziati come la potenziale energia del futuro, soprattutto perché produce pochi rifiuti e nessun gas serra.

Si differenzia dalla fissione, una tecnica attualmente utilizzata nelle centrali nucleari, in cui i legami dei nuclei atomici pesanti vengono spezzati per rilasciare energia.

Nel processo di fusione, invece, due nuclei atomici leggeri vengono “sposati” per crearne uno pesante.

In questo esperimento, gli scienziati hanno utilizzato due isotopi dell’idrogeno, dando origine all’elio. Questo è lo stesso processo che opera nelle stelle, compreso il nostro Sole.

Certo, gli esperimenti sono ancora in fase embrionale e c’è bisogno di stabilizzare per più tempo i processi, ma gli scienziati sono fiduciosi. L’uomo potrebbe essere arrivato realmente a un punto di svolta nella produzione di energia pulita.

Saranno necessari ancora moltissimi test e si dovranno calcolare tutte le incognite del caso, ma il primo esperimento ha dato un esito decisamente positivo; adesso non resta che rimboccarsi le maniche e cercare di venire a capo della questione. Chissà, magari tra qualche anno, potremmo dirci finalmente svincolati dalle fonti di energia che usiamo adesso a beneficio di nuovi ritrovati più sicuri e sempre più puliti.

Fusione nucleare, bene i primi test con i raggi laser

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: