Future Trends & Tech

Realtà Virtuale, come si costruisce la scuola del futuro?

Grazie agli ambienti interattivi si aumenterà il livello di apprendimento, la motivazione e le capacità pratiche degli studenti.

Anche l’insegnamento sta cambiando e si sta adattando ai nuovi strumenti e alle nuove tecnologie studiate appositamente per la formazione a tutte le età.

Tra queste nuove tecnologie, c’è sicuramente la Realtà Virtuale che sta diventando uno dei mezzi più utilizzati (non in Italia, purtroppo) e più efficaci di apprendimento.

Secondo uno studio, sembra che gli studenti che hanno provato la formazione tramite VR abbiano sviluppato abilità tecniche, pratiche e socio-emotive superiori rispetto a una formazione “classica”, sviluppando anche una maggior fiducia e una preparazione decisamente più approfondita.

Uno dei principali dubbi riguardo alla realtà virtuale è l’accessibilità degli strumenti che, chiaramente, non è uniformemente diffusa in tutte le scuole del mondo. Certo negli ultimi 15 anni le cose sono andate meglio e in molti hanno potuto beneficiare di una formazione più immersiva che ha permesso loro di ottenere risultati più promettenti; ma stiamo parlando di tecnologie per il momento ancora troppo costose e che il nostro sistema scolastico, ad esempio, non sarebbe in grado di fornire a tutti.

I benefici sono sicuramente tangibili, però è anche innegabile che per la maggior parte delle scuole è già piuttosto complicato avere accesso a una sala computer dignitosa, figuriamoci poi dover integrare il tutto alla tecnologia VR.

I vantaggi nella formazione in realtà virtuale

Il grande beneficio di questa tecnologia è quello di fornire a studenti e insegnanti la possibilità di lavorare in un ambiente ottimizzato e con il quale interagire liberamente. Inoltre questo tipo di simulazioni consente di gestire e controllare le metriche delle prestazioni e di tenere sotto controllo lo sviluppo di abilità e capacità sviluppate dagli studenti nel corso delle lezioni.

A livello di praticità, poi, la realtà virtuale offre prestazioni incredibili con ambienti completamente interattivi e lo sviluppo di una formazione sicuramente che permette di testare in tempo reale quanto appreso a livello teorico.

Grazie a questi ambienti interattivi sicuramente si aumenterà il livello di apprendimento, la motivazione e le capacità pratiche degli studenti che potranno “realmente” toccare con mano quanto studiato.

Questa tecnologia, al momento, è considerato il metodo pedagogico migliore per sviluppare al massimo il potenziale degli studenti, in grado di offrire loro possibilità teoricamente illimitate. Resta il dubbio dell’eventuale diffusione su larga scala, ma è innegabile che la Realtà Virtuale potrebbe essere realmente il futuro dell’insegnamento.

È innegabile che questa tecnologia sarà in tempi ragionevolmente brevi un’alternativa ai metodi di apprendimento più classici ma è anche evidente che se i Governi e l’istruzione non fossero in grado di garantire gli stessi diritti a tutti gli studenti, a prescindere dal reddito o dalla scuola, allora verrebbe meno il principio cardine su cui si fonda la scuola: i pari diritti e le pari opportunità che devono essere garantite a tutti per la costruire al meglio il proprio futuro.

Realtà Virtuale, come si costruisce la scuola del futuro?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: