Marketing & Communication

Da questo strano #HomeWorking nascono vicinanza e collaborazione: rallentiamo e riflettiamo?

relazioni home working

Oggi più che mai cerchiamo di riflettere. Di come questa situazione di home working stia creando dei talenti e delle relazioni forti, anche virtualmente.

I figli irrompono nelle nostre video-call; si intravedono zampette di cani e gatti pronte a richiedere attenzioni; ci sono famigliari che entrano nelle nostre attività lavorative per chiederci che cosa vogliamo mangiare e per ricordarci che bisogna andare a fare la spesa in qualche modo. Ci sono suoni e rumori spesso imbarazzanti. C’è chi non si mostra, perché la tuta – giustamente – in questa situazione eccezionale non riesce a toglierla.
Cappelli che nascondono tinte che non si riescono a fare (e credetemi, uomini, questo è un problema che viene solo dopo la ricrescita delle unghie di chi ha il gel, e che ora non sa come toglierlo, tra il fastidio, il dolore della rottura delle unghie e il disgusto della poca cura). Quelle felpe preferite dai colleghi che ci portano a fare la battuta “Ma ti cambi mai?”; i caffè virtuali e il disagio per ogni rumore di sottofondo, amplificato, nelle nostre riunioni.
Ci sono persone sole perché single, o più semplicemente distanti dai propri affetti per lavoro. I nostri umori sono altalenanti. Ci chiediamo quando tutto finirà, alterniamo speranza a preoccupazione; risate a esaurimento.

Abbiamo tante domande e, mai come oggi, così poche risposte.

Fingere che la professionalità proceda come sempre, non è umano. È umano ora prendersi poco sul serio, accettando che la situazione sia diversa dal “normale”. Ecco perché trovo importante raccontarci il lato umano e vero – anche imbarazzante – di quello che sta succedendo dietro i nostri schermi, intorno alle nostre riunioni, per sentirci veramente più uniti:

  • “La mattina, nel bel mezzo delle riunioni, mi interrompo una o due volte: è mia figlia che mi manda un WhatsApp dalla camera a fianco “Papy, mi è saltato Drive!” e io annuncio ai colleghi/consulenti: “Scusate, mi chiamano dalla scuola, torno fra un minuto” :D”;
  • “Pochi giorni fa: riunione con il CdA di una scuola per cui sto facendo una consulenza. Riferisco i miei punti, snocciolo dati, leggera tensione per un microfono non spento… Entra in video soave uno dei miei due mici, primo piano nella webcam con tanto di annusata, sorriso dei partecipanti.
    Allontano il micio ma lui torna. E io mi arrendo: Pooh si adagia languido tra le mie braccia per una seduta improcrastinabile di grattini. Pazienza! Gli obiettivi li possiamo raggiungere anche con un sorriso imprevisto (in fotografia una testimonianza di quanto i felini di casa gradiscano il mio Mac!).”

home working cat

  • “Sono le 19:45. Sembra un martedì come tanti, ma in realtà la giornata è decisamente diversa. Sono in compagnia dei miei libri preferiti che mi guardano dalle pareti. Nessuno mi cerca (ancora) per apparecchiare la tavola.
    Nessuno si lamenta del fatto che la connessione aziendale rende difficili i collegamenti con Netflix. Posso finalmente regalarmi 10 minuti per apprendere qualcosa di nuovo.
    Trovo su LinkedIN un interessante webinar dedicato allo stress da isolamento durante l’epidemia di Coronavirus. Entro nel sito, lascio le credenziali e mi metto comodo per ascoltare i contributi.
    Appena il mio relatore preferito prende la parola, la mia gatta apre un occhio e si sveglia. La vedo entrare, con passo felpato, nel mio rifugio e, con un balzo atletico, atterra sulla tastiera.
    Basta una zampata per far saltare tutto: il collegamento, il webinar, le cuffie e soprattutto la tazza con la tisana che rovescia il suo contenuto ovunque. Riesco per miracolo a salvare il pc, il mio (unico) collegamento con il mondo.
    La gatta mi guarda e sorride (così, mi sembra) con malignità come fanno i gatti quando vogliono condividere i loro stati d’animo. Probabilmente lei non è più contenta che io sia sempre a casa in smart working. Chissà…”
  • “Sono una maestra e quando vedo i bimbi in videoconferenza ci mandiamo baci. Ogni volta che mi sconnetto piango per venti minuti. Mi mancano da morire.”

Un geniale Giovanni Scifoni ha raccontato con grande ironia, quanto veridicità, ciò che sta accadendo nelle nostre “CasOffice”. Un video in cui illustra la mente dello smart worker: “Mi senti?; Ti sento benissimo; Non ti sento!”.


Leggi anche: Smart Working: la definizione quella vera


Stiamo vivendo tutti noi un’eccezionale situazione da “Grande Fratello”

Un po’ perché abbiamo una camera puntata nelle nostre case, un po’ per quella costrizione h 24 con le stesse persone, con le quali dobbiamo supportarci (e sopportarci), come capire bene la gestione della spesa per ottimizzare al meglio le poche uscite.
Ci stiamo evolvendo, o forse no. Ma dobbiamo vivere queste dinamiche che ne scaturiscono e adeguarci a questo nuovo scenario.
Nel delirio di video-call, tra piattaforme che tutti ricerchiamo (che poi c’è davvero una piattaforma migliore di altre?! Se qualcuno lo sa con estrema certezza potrebbe diventare l’influencer più in voga del momento) quasi fossero loro a garantirci quella normalità che abbiamo perso.
Nell’immersione dell’ansia da prestazione diffusa (meglio definirla “ansia da dimostrazione del lavoro”), voglio soffermarmi su ciò che sto osservando con più interesse e con la consapevolezza di vedere qualcosa di non chiaro perché incerto, proprio come tutto.
Vedo il bisogno di capacità di reinventarsi, per tutti e a tutti i livelli; sento la necessità di sintesi (perché in riunione a distanza è ancora peggio dilungarsi e non avere obiettivi chiari); respiro ovunque la forte esigenza di imparare a gestire l’incertezza, come di lasciare andare e rallentare.
Rallentare perché, come afferma Giuseppe Morici nel suo libro “Fare i manager rimanendo brave persone. Istruzioni per evitare la fine del mondo e delle aziende” trovare qualcosa (nel nostro caso un senso, nuovi modi per rialzarci), la soluzione a un problema è un po’ come trovare se stessi. E per trovarsi bisogna essere persi. E per perdersi, occorre tempo.
In questo la tecnologia non ci può aiutare, perché non può velocizzare i nostri modi di pensare; il multi-tasking è un’utopia, un concetto che la scienza ci ha dimostrato non possibile. Quindi fermiamoci con questo Switch-Tasking oggi ancor più delirante, dalle nostre postazioni statiche che non ci permettono di respirare e far fiorire la creatività.
Regaliamoci il tempo per far sì che sia vera evoluzione.
Sento il bisogno di ricordare a noi, “Smart Worker immaginari” (come racconto in un mio articolo su LinkedIn) che siamo un’elite. Questo me lo ha ricordato Clemente Perrone. Ci stiamo lamentando dei nostri disagi, ci stiamo chiedendo se è Smart Working, Flexible Working, Remote Working, Home Working, lavoro da remoto, qualcosa di indefinibile, e ci stiamo dimenticando che siamo dei fortunati, perché c’è una grande parte del nostro Paese costretta a uscire per garantirci le migliori condizioni per lavorare, come la nostra sopravvivenza.
E quindi, ancora una volta, scrivo dell’essenziale. L’articolo sopra citato l’ho chiuso con le splendide parole di Ivan Nossa, che ci invita ad esser un po’ più consapevoli dei nostri passi quotidiani, a ritrovare l’essenza nel tutto.
Questo lo chiudo con un video che sta facendo il giro del pianeta e dove il Coronavirus scrive una lettera a tutto il mondo, spiegando perché ha deciso di stravolgere le nostre vite.

Io sono di passaggio ma i sentimenti di vicinanza e collaborazione che ho creato tra di voi in pochissimo tempo dovranno durare in eterno. Vivete le vostre vite il più semplicemente possibile, camminate, respirate profondamente, fate del bene, perché vi tornerà sempre indietro con gli interessi, godetevi la natura, fate ciò che vi piace e vi appaga e createvi le condizioni per non dover dipender da nulla.

Da questo strano #HomeWorking nascono vicinanza e collaborazione: rallentiamo e riflettiamo?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: