Future Trends & Tech

Bezos e Musk, il favore della NASA si paga a caro prezzo

La NASA avrebbe fatto un appalto imperfetto per il suo nuovo programma spaziale, cambiando all’ultimo le regole e affidando così la vittoria a Elon Musk.

Jeff Bezos e la sua Blue Origin, hanno fatto causa alla NASA dopo che questa ha commissionato la SpaceX di Elon Musk per costruire il nuovo veicolo che riporterà l’uomo sulla Luna.

Dalle dichiarazioni del CEO di Amazon, si legge che la NASA avrebbe fatto un appalto imperfetto per il suo nuovo programma spaziale, cambiando all’ultimo le regole e affidando così la vittoria a Elon Musk.

Che i rapporti tra le due nuove compagnie spaziali non siano mai stati rosei non è un segreto, dopotutto la concorrenza è sempre concorrenza ed entrambe puntano alla conquista dello spazio per le proprie ragioni legate al proprio business. Ma addirittura arrivare a fare causa alla NASA, sembra una mossa un tantino esagerata anche per due miliardari (forse un po’ egocentrici) come Jeff Bezos e Elon Musk.

Bezos VS Musk, la conquista dell’ultima frontiera

L’obiettivo di Elon Musk è quello di contribuire al futuro dell’uomo facendolo atterrare su Marte per colonizzare il pianeta rosso, come se fosse una sorta di “piano B” all’eventuale inabitabilità futura della terra.

Da parte sua, invece, Jeff Bezos ha sempre voluto contribuire a instaurare una presenza umana nello spazio duratura e, per farlo, ha convogliato le sue energie e il suo patrimonio verso la New Shepard, la prima astronave turistica pensata per condurre i primi vacanzieri spaziali a spasso tra le stelle.

Sia la SpaceX che la Blue Origini hanno, inoltre, attivi dei programmi spaziali basati su razzi riutililizzabili in modo da contenere le spese e poter fare quanti più test possibile.

Inoltre le due compagnie sono rivali anche per quanto riguarda le comunicazioni satellitari, visto che anche Amazon ha intenzione di lanciare la propria rete di satelliti in un tempo ragionevolmente breve per eguagliare quella di SpaceX già in orbita da diverso tempo.

Poche settimane fa l’accordo fra la NASA e SpaceX sembrava ufficiale e avrebbe garantito un utile da circa 3 miliardi di dollari per portare di nuovo l’uomo sulla luna dopo parecchi anni di assenza. La cosa però non sarebbe andata a genio a Blue Origin che avrebbe prontamente minacciato azioni legali contro l’agenzia spaziale americana.

Da parte sua la NASA non ha ancora commentato la cosa, così come non ha commentato ancora nemmeno Elon Musk ma, se questa battaglia andasse realmente in scena, potrebbe essere il primo atto delle nuove Star Wars, con meno Jedi e molti più avvocati.

Bezos e Musk, il favore della NASA si paga a caro prezzo

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: