Startup & Entrepreneurship

Arriva in Italia Wallapop, l’applicazione spagnola per l’usato

Wallapop

Arriva in Italia Wallapop, l'applicazione spagnola per l'usato. Cosa cambia per il nostro mercato con l'arrivo dell'applicazione?

Arriva anche in Italia Wallapop; l’applicazione spagnola per gli oggetti di seconda mano, con particolare attenzione al consumo responsabile e sostenibile.

L’applicazione darà ai suoi potenziali utenti la possibilità di mettere in vendita oggetti ancora funzionanti e in ottimo stato, ma che non usano più da tempo; in modo da far incontrare la necessità del venditore di liberarsi di tale oggetto, guadagnandoci, e quella dell’acquirente di comprarlo a un prezzo competitivo.

Ciò avviene tramite un servizio intuitivo, che incoraggia un atteggiamento responsabile nell’esperienza di consumo. Wallapop consente infatti di vendere e comprare oggetti sia vicino a casa propria, con lo scambio diretto tramite la tecnologia di geolocalizzazione su cui l’applicazione si basa; sia a distanza, con l’esperienza di e-commerce permessa dal servizio Wallapop Spedizioni.

Wallapop i numeri del successo

Con questo servizio, gli utenti italiani avranno anche accesso ai tanti annunci di oggetti disponibili in Spagna. L’applicazione, fondata a Barcellona nel 2013, vuole portare online il modello del mercatino dell’usato, al quale si possa accedere con il proprio smartphone. Attualmente ha 15 milioni di utenti, e, dal suo lancio, vi sono stati venduti 180 milioni di articoli.

A febbraio ha chiuso un round di finanziamento di 157 milioni di euro guidato dal fondo VC Korelya Capital e sostenuto da Naver, la maggiore società Internet coreana. Chiuso il 2020 con il 50% di ricavi in più del 2019; Wallapop sta proseguendo la sua crescita anche quest’anno.

Nel primo semestre, infatti, i ricavi del servizio Wallapop Spedizioni sono cresciuti dell’80% rispetto allo stesso periodo del 2020, e questa modalità ha costituito quasi il 20% delle transazioni totali avvenute sulle piattaforma.

Da anni, comunque, il mercato dell’usato sarebbe in crescita. Secondo uno studio infatti, circa il 57% degli italiani ha comprato o venduto beni di seconda mano nell’ultimo anno e il 31% visita settimanalmente i siti di marketplace dell’usato; un’abitudine chiaramente incentivata anche dalle restrizioni avute per il Covid19.

Proprio con la pandemia, però, si è diffusa una maggiore consapevolezza dell’importanza delle tematiche ambientali.

Arriva in Italia Wallapop, l’applicazione spagnola per l’usato

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: