New Ways of Working

Retail Optimization, cos’è e perché proprio adesso?

Retail Optimization

Retail Optimization, una grande opportunità che viene offerta alle aziende produttive per arrivare preparate alle criticità del domani

I processi di  Retail Optimization implicano l’applicazione di alcuni modelli matematici interpretativi  associati a un motore di risoluzione sviluppato per le attività di pianificazione e sviluppo. 

L’idea è quelle di gestire i cambiamenti tramite elaborazioni progressive di obiettivi, varianti ed eventuali problemi che sono alla base degli ambienti produttivi e distributivi. In termini di benefici, parliamo di velocizzare i processi decisionali e, chiaramente, una maggiore competitività sul mercato.

Il concetto di Retail Optimization entra nell’ambito delle cosiddette 5V:

  • Volatilità dei mercati
  • Variabilità dell’offerta
  • Volubilità dei consumatori
  • Velocità del time to market
  • Vulnerabilità delle filiere.

A fronte di queste cinque prospettive è evidente che, per ottenere buone prestazioni a costi competitivi, le aziende devono costruire processi snelli e ottimizzati. Per questo è già da tempo una delle priorità delle realtà produttive più competitive e che sanno guardare al futuro.

Applicare questi processi rende i processi decisionali di un business più reattivi; migliorando i servizi e i processi, si andranno a colmare rapidamente tutte le inefficienze varie ed eventuali. Questo non può che portare enormi benefici alle aziende e alla loro produttività e competitività.

Retail Optimization, la strategia applicata ai cambiamenti

I grandi stravolgimenti nel rapporto con i consumatori e i processi di digital transformation hanno fatto capire alle imprese l’importanza di processi ottimizzati improntati sul real time e sulla collaborazione. Non parliamo di percorsi semplici e attuabili dall’oggi al domani, ma con le giuste strategie si può “stravolgere” l’asset aziendale, senza che ne risenta l’efficienza.

Ovviamente a trasformazioni così importanti corrispondono dei “tempi di adeguamento” differenti tra le varie realtà; per questo l’ottimizzazione non è ancora uguale in tutte le varie parti dell’ecosistema. C’è bisogno ovviamente di più tempo e di un lavoro costante per portare il concetto di Retail Optimization a una diffusione più capillare.

Che questi processi migliorino tutte le attività di pianificazione non ci sono dubbi. Come non ci sono dubbi che così facendo si faciliti il discorso in termini decisionali e di efficienza; c’è “solo” bisogno di metabolizzare i cambiamenti ed entrare in contatto con queste nuove dinamiche ma a quel punto, difficilmente si tornerà indietro.

Retail Optimization, questo è il momento adatto

Nell’ultimo anno abbiamo vissuto l’esperienza del Covid-19 che ha stravolto completamente la nostra vita privata a quella lavorativa.

Sono cambiamenti importanti che hanno gravato sulla nostra vita sociale, sul nostro modo di lavorare e su tutto il resto, ma alla fine hanno portato anche a dei vantaggi consistenti, tipo l’accelerazione nei processi di digitalizzazione. 

Proprio per questo è il momento adatto per parlare di Retail Optimization e cercare di implementare questi progetti in più realtà produttive possibile, in modo da anticipare nuove criticità future e affrontarle con una strategia efficace e sicura. 

È una grande opportunità che viene offerta alle aziende italiane e non solo; per questo si dovrebbe pensare concretamente alle logiche produttive 4.0 e cercare di guadagnare più terreno possibile nella corsa verso il futuro.

Retail Optimization, cos’è e perché proprio adesso?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: