New Ways of Working

PowerPoint è davvero così utile come tutti dicono?

PowerPoint

PowerPoint è davvero così utile come tutti dicono? La risposta degli scienziati alla celebre applicazione di casa Microsoft

In pochi lo sanno ma esiste un campionato mondiale di PowerPoint. Quest’anno ci sono stati circa 850mila studenti da 119 paesi del mondo che hanno preso parte all’evento che, ormai, è diventato una competizione a livello globale.

L’unico studenti americano ad aggiudicarsi uno dei premi è stato Seth Maddox, da Geraldine in Alabama, che ha vinto, oltre al trofeo, 10mila dollari e un computer. 

Una cosa su cui il concorso vuole focalizzare l’attenzione riguarda la replicabilità delle presentazioni digitali su carta (o sulle vecchie diapositive fisiche); cercando di andare oltre la goffa e macchinosa interfaccia utente del celebre programma Microsoft.

Non si tratta di valutare le presentazioni in quanto tali; ma di come possa essere in qualche modo migliorato PowerPoint per un utilizzo più snello e semplice. E chi meglio di oltre 850mila giovani menti possono elaborare una rivoluzione del genere?

Chi è del settore, sa bene che PP è solo una grandissima perdita di tempo. Creare diapositive originali, leggibili e che sappiano stupire è un modo per “distogliere l’attenzione” da quello che dovrebbe essere, invece, il contenuto del discorso. Per questo i grandi imprenditori del mondo  Jeff Bezos, Jack Dorsey, Mark Cuban e via dicendo lo evitano come la peste.

PowePoint è davvero inutile? Due studi a confronto

Uno studio condotto dal‘Università del New South Wales nel 2007 da John Sweller ha scoperto che mostrare al pubblico le stesse parole pronunciate riduce, anziché aumentare, la comprensione del pubblico.

In altre parole, quando pubblichi un elenco di punti e poi li esamini, stai garantendo che qualsiasi cosa dirai verrà rapidamente dimenticata. Non perché l’interlocutore sia noioso, ma perché le persone non possono leggere e ascoltare allo stesso tempo.

Secondo un altro studio recente, tutto ciò che ruota attorno a PowerPoint, il concetto stesso del software, è mal concepito. 

Sembra infatti che il pubblico sia più attratto da una presentazione senza diapositive piuttosto che da una che comprenda una serie di slide che, magari, hanno richiesto ore e ore per la loro realizzazione.

Sono ancora moltissime le persone che usano il celebre software, eppure sono tutti d’accordo nel dire che questo è (quasi) sempre una perdita di tempo.

Proiettare e parlare contemporaneamente non è una strategia vincente; è molto meglio fare il proprio discorso e, solo alla fine, distribuire lo schema per riepilogare quanto detto.

Il software Microsoft è forse uno degli esempi più calzanti di come la tecnologia più diventa mainstream e tanto più risulta inutile e macchinosa. Per questo (forse) si dovrebbe ripensare un po’ l’utilizzo di PowerPoint e, magari, concentrarsi di più sul contenuto e sull’oralità, piuttosto che sulla realizzazione di “complicate” diapositive dalle immagini improbabili.

PowerPoint è davvero così utile come tutti dicono?

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: