Startup & Entrepreneurship

La trasformazione nell’industria Millennial – episodio 7

Millennials e piante da interno

Le piante da interno sono il toccasana per la vita degli stressati, considerando la generazione, non sorprende l'enorme crescita del mercato.

2019: Bloomberg afferma che le piante sono diventati i nuovi figli dei Millennial.

Ok, di noi si possono dire tante cose, e c’è una narrativa discordante, siamo egoisti, cattivi, maiali, idioti, comunisti, attaccati alle piante, ma non siamo pornostar.

Forse.

Quel che vorrebbe sottolineare suddetto giornale leggermente “non tanto integrato nella bolla sociale di noi millennials”, è che vorremmo riempire il vuoto nel nostro cuore, ovviamente dovuto al fatto di non avere animali o figli, attraverso le piante, perché non vogliamo responsabilità. Che sarà anche vero, ma mi puzza tanto di “ehi ma hanno dei modi di fare diversi dai miei, siamo al declino dell’occidente”, o di proiezione.

Ora su questo non vorrei addentrarmi, ma i dati parlano si di un incremento nell’adozione di piante per la casa, ma anche di una delle generazioni con più adozioni di animali, e, stranamente la più prolifica (anche se il dato in se non ha molto senso e andrebbe paragonato con criterio allo spaccato che si aveva 10 – 20 – 30 anni fa per valutarne le flessioni e riscontri).

Ora, se questo fosse un Rant verso una persona fuori dal mondo che vuole prendere in esame una sottocultura generazionale che non conosce, potremmo parlare di come il giardinaggio e il bricolage siano stati una attività cardine del dopolavoro americano da circa sei decadi, ma dobbiamo parlare, come al solito, di vil danaro.

Cosa rende le piante da appartamento così attraenti e perché ci piacciono così tanto?

Partiamo dal fatto che il mercato totale di questo bene veramente singolare è arrivato a un complessivo di 1.7 miliardi di dollari, salendo dal 2016 al 2018 del 50%, il trend quindi è cominciato a diventare popolare anche grazie all’interesse diffuso e nella totalità dell’ambiente che circonda i giovani in carriera.

Se gli uffici, e le case vengono immerse in un ambiente positivo e curato, il risultato sarà una vita più sana.

La pandemia è stata solo un boost, la ricerca quasi compulsiva di un benessere per se attraverso l’ambiente, seppur questo fosse limitato.

Ci chiamano la generazione dello stress per una ragione (e non c’entra proprio per nulla il nostro fantastico contesto socioeconomico vagamente in rovina, nono, tutto apposto è colpa nostra che siamo suscettibili).

Ecco, in questo contesto le piante da ufficio sono un toccasana, sia per la produttività, che per la qualità dell’aria in se e la riduzione dell’ansia diffusa attraverso un cambio ambientale che impatta sul mood generale.

E questo come si traduce in termini di trasformazione?

Una industria viva è una industria in movimento.

E le grandi piattaforme di e-Commerce hanno già puntato a una espansione nel settore con sezioni apposite.

Senza contare che stanno letteralmente fiorendo, perdonatemi il piccolo pun, una valanga di applicazioni sul tema non solo di vendita ma anche di cura e supporto “culturale” sul tema piante da interno, dalla programmazione di tempi di irrigazione fino ai cataloghi per le terre su cui piantare.

Un mondo in crescita ci si prospetta e tutti speriamo di vederlo crescere, e che anzi, ci permei trasversalmente su ogni fascia d’età.

La trasformazione nell’industria Millennial – episodio 7

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: