Marketing & Communication

Come si manda una mail agli investitori? Parte Quarta

Less Is More

Less is more? Nella comunicazione è un principio. La dischiusura quasi ermetica di pochi concetti in una mail comprensibile? Una catarsi.

Oggi possiamo riassumere la questione con una frase, almeno prima di introdurre l’argomento che darà il La a tutto il nostro discorso.

Cosa prova un investitore quando riceve la nostra mail?

Ecco. Questo è un punto fondamentale per sottolineare quanto l’immagina da macho azienda sia problematica.

Introduciamo, finalemente, il concetto chiave di tutta la nostra rubrica.

Less Is More

No mi scusi signor paperone, le va di investire nella nostra superintuitivissima applicazione che sicuramente cambierà il mondo perché è superipermegadisruptivesicuramentecambieràlavitadimiliardidipersoneinItalia?

Ecco.

Diciamo che Basta.

Questa narrativa funzionava quando una o poche aziende riuscivano a trasformare con un tocco di mouse l’intero panorama dell’internet mondiale.

Se tutti diventano dei rivoluzionari allora tanto vale liberare i mezzi di produz-. Ongi riferimento a Ottobre è puramente casuale.

Dicevamo:

Si, l’entusiasmo va bene. Ma con i numeri dietro forse è meglio.

Dovresti essere in grado di spiegare in circa 100 parole, forse anche meno quello che c’è di innovativo.

Certo, non è che se sfori ti sparano, però questo limite ti aiuta a concentrarti specialmente in quello che vuoi comunicare.

Nella fattispecie, le tanto amate metrics.

Se pensi di dover inviare delle informazioni dettagliate e confidenziale c’è una buona notizia.

Non devi.

Il punto di far scoprire all’investitore la tua attività è che poi dovrà indagare.

L’obiettivo di questa interazione è che tu, imprenditore abbia il primo meeting consultivo con un investitore.

I dati della tua azienda arriveranno.

Se proprio non riesci a farne a meno invia qualcosa di comunque scarno, e allegalo come PDF.

Semplice e comprensibile, niente accrocchi complessi che in 30-40 secondi di lettura non faranno altro che essere cestinati.

Detto questo, il grosso è fatto, ma non abbiamo ancora finito.

Alla prossima puntata.

Come si manda una mail agli investitori? Parte Quarta

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: