Marketing & Communication

Le novità e le funzioni sconosciute su LinkedIn per le Company Page

Le novità e le funzioni sconosciute delle Linkedin Company Page

Tempo fa solo chi si occupava di B2B utilizzava le LinkedIn Company Page per farsi conoscere. Ora non essere su LinkedIn equivale a non esistere per tutti.

Per chi fa business oggi, essere presenti su LinkedIn è imprescindibile. Ma come per tutti i social, essere presenti ed avere una pagina vetrina, non è sufficiente. Fino a poco tempo fa soltanto chi si occupava di B2B utilizzava le LinkedIn Page per farsi conoscere da fornitori e clienti, ora il mondo è molto cambiato: non essere su LinkedIn equivale a non esistere.
Cosa comunichi della tua azienda se un prospect, un fornitore, un partner ti cerca su LinkedIn e non ti trova o, ancora peggio, trova una pagina vuota di contenuti?
Perché ricordati, anche non comunicare, intraprendere la via del silenzio, è a tutti gli effetti una forma di comunicazione!

Un articolo di Pamela Nerattini

Formatrice e Consulente LinkedIn Freelance

LinkedIn: osserviamo i numeri

LinkedIn afferma che ci sono 740 milioni di utenti sulla piattaforma nel mondo, di cui 15 milioni in Italia. Sono presenti 55 milioni di aziende, numero cresciuto esponenzialmente nell’ultimo anno.

linkedIn statistiche utenti

Le statistiche di LinkedIn nel mondo (fonte: https://news.linkedin.com/about-us#Statistics)


Questi numeri fanno di LinkedIn la prima piattaforma professionale al mondo, per trovare le giuste connessioni e funge da vetrina per creare la propria reputazione online.

Se non ora, quando? – Rabbino Hillel

Le funzioni sconosciute (o quasi) per le LinkedIn Company Pages

Probabilmente avrai già creato gratuitamente la tua pagina aziendale, inserito le immagini con il nome corretto, scritto la descrizione utilizzando le parole chiave di settore per essere trovati, inserito un call to action e forse avrai anche iniziato a scrivere dei contenuti.
Troppo spesso però, vedo, nei percorsi che faccio nelle aziende, dimenticare alcune funzionalità molto utili per rendere le pagine e i contenuti più visibili.
Innanzitutto utilizza l’area “Specialities” nelle tue informazioni per inserire 20 parole chiave che aiutino il motore di ricerca a capire di cosa si occupa l’azienda, che tipologia di contenuti e informazioni il tuo prospect potrà trovare su quella pagina; immagina di dover venir cercato da un cliente o da un potenziale partner, che parole utilizzerebbero? Ecco, inserisci quelle.
Il tuo mercato è misto? I tuoi prospect sono di diverse nazionalità? Bene, puoi inserire la descrizione della tua azienda in più lingue. Dovrai tradurle tu e quindi potrai scrivere anche due bio molto diverse che facciano riferimento ai diversi mercati.
Magari in Italia vendi alcuni prodotti e in altri paesi altri, per cui le versioni nelle diverse lingue possono e devono essere totalmente indipendenti.

Come aumentare i follower nelle LinkedIn Pages

La pagina non cresce organicamente da sola e non vi è una tipologia di sponsorizzazione atta ad aumentare esclusivamente i follower.
E allora cosa puoi fare?
Il primo step utile è quello di inserire sul tuo sito il bottone “Follow” con il badge di LinkedIn, (attraverso un codice potrai farlo inserire anche dal tuo programmatore). In questo modo chi sarà arrivato sul tuo sito e sarà interessato, molto probabilmente ti seguirà anche su LinkedIn aspettandosi contenuti freschi e di valore per conoscere meglio l’azienda, i suoi valori, la sua mission.
Si possono invitare i propri collegamenti personali a seguire la pagina. Gli amministratori della pagina hanno 100 inviti al mese in totale (rumors dicono che arriveranno a 200), da utilizzare per invitare le persone nel proprio network di 1° livello a seguire la LinkedIn Page, ma attenzione!
Invita soltanto chi davvero può essere interessato agli argomenti che tratti, prospect, fornitori, clienti attuali, collaboratori. Ai destinatari arriverà una notifica solo con il nome della pagina e la persona che l’ha inviata, è quindi fondamentale che già ti conoscano per accettare l’invito. Per esempio, puoi fare un post sul tuo profilo parlando della pagina, dei contenuti che tratterai, a chi si rivolge e con quale obiettivo, in questo modo sapranno già se sono interessati o meno.
La pagina aziendale si può anche condividere in un messaggio privato, alternativa all’invito, sempre alle proprie connessioni di 1° livello. Questo permette di spiegare meglio quale vantaggio la persona potrà avere dal seguire la company page e perché la si sta invitando.
Ovviamente bisogna evitare di spammare le persone: meglio meno follower, ma in target, che molti totalmente disinteressati.
Un altro modo interessante per essere maggiormente visibili, è quello di utilizzare i 3 hashtag disponibili per la pagina in modo strategico. Di sicuro una delle parole chiave deve essere di brand o di prodotto, ma almeno una deve essere di settore, in modo da apparire nel giusto feed dove possono esserci i clienti futuri.
Azione di fondamentale importanza è quella di notificare ai dipendenti un nuovo contenuto in modo che siano loro, appena uscito il post, a consigliare e commentare il contenuto per renderlo visibile alla propria rete. In questo modo, se fatto nella prima ora dalla pubblicazione, per l’algoritmo di LinkedIn quel post avrà maggior valore e sarà mostrato più facilmente.
Per fare questo però è fondamentale aver formato i propri dipendenti, devono saper come condividere, devono aver bene in mente le dinamiche della piattaforma e aver costruito un loro network in target.
Non soltanto, il piano editoriale deve essere reso noto, in modo che le persone già sappiano di cosa si parlerà e in che modo potranno contribuire.


Leggi anche Ma quante novità su LinkedIn? Un confronto con Fabio Banzato


I contenuti sulle LinkedIn Pages

La prima cosa da fare è quella di fissare in alto un post, in modo che sia sempre il primo ad apparire e che spieghi esattamente l’anima della pagina aziendale. Se stai per fare un evento o un lancio prodotto, puoi decidere di inserire in alto un post relativo ad esso fino ad evento o lancio concluso.
Il post in alto è simile alla sezione “In Primo Piano” del profilo, il modo migliore per mettere in mostra un contenuto. Utilizzalo in modo strategico e varialo in base ai tuoi obiettivi.
Le Storie sono nate nel 2020, ma la grande novità 2021 è che le aziende (e anche i profili con più di 5000 follower) possono inserire un link con lo swipe-up. Quindi questa funzionalità sarà molto utile per portare ad una scheda prodotto o portare le persone sul sito, che è il tuo canale proprietario.
Anche in questo caso, la visibilità delle storie al momento non è molto alta per cui è necessario testarla e vedere il riscontro dei propri follower.
Puoi anche decidere di pubblicare un post solo per un determinato pubblico utilizzando i filtri, ad esempio, è possibile decidere di far vedere quel post solo ai tuoi follower in un determinato Paese o che parlano una determinata lingua. Non puoi scegliere invece le persone specifiche a cui mostrarlo.
Se ad esempio tu volessi fare un evento o uno sconto solo per i tuoi clienti attuali, potresti pensare di creare un gruppo (che però, ad essere sincera, su LinkedIn non funzionano molto bene) con tutti i tuoi clienti in cui proporre un piano editoriale diverso e offerte dedicate solo a loro, o ancora utilizzarlo come customer care.
Tra le attività, puoi notare le menzioni: quando vieni menzionato da un dipendente, da un partner… hai la possibilità di ricondividere il post sulla tua pagina. Le pagine non possono commentare come fanno i profili, pertanto questo è il modo per inserire la propria opinione in un post dove si è stati citati e a tua volta citare ringraziando chi lo ha fatto.

Arriviamo ai follower sulle LinkedIn Pages

Dall’anno scorso è possibile sapere chi sono i follower, ma non si possono scaricare in un Data Base, né agire direttamente sui loro profili. Si possono però studiare per capire se si sta arrivando al pubblico giusto, se ci sono competitor, se ci sono prospect e a quel punto variare il proprio piano editoriale per renderli maggiormente partecipi.

Nelle LinkedIn Pages puoi creare eventi e live

Le pagine possono creare degli eventi e, se autorizzati da LinkedIn (bisogna chiedere autorizzazione e aver già fatto dirette altrove), si potrà andare in diretta sulla piattaforma.
Gli eventi possono essere pubblici, quindi ricercabili attraverso il motore di ricerca o privati e quindi su invito; l’organizzatore e gli speaker possono invitare i propri collegamenti a partecipare all’evento. Tali collegamenti possono essere targetizzati, ovvero puoi scegliere la località, l’azienda in cui lavorano o il settore industriale.
Le novità 2021 relative agli eventi sono state quella della creazione di una chat collegata all’evento a cui tutti i partecipanti possono unirsi e quindi conversare insieme agli speaker e la possibilità di inserire (solo per le aziende, i profili non possono) un form contatti necessario all’iscrizione che si auto compila con le informazioni di LinkedIn, in questo modo potrai già avere un DB contatti secondo la normativa; dovrai solo inserire la tua privacy policy.


Leggi anche Le pagine LinkedIn si trasformano per favorire comunicazione e collaborazioni


Dopo questa carrellata di novità e opzioni che LinkedIn offre gratuitamente, hai ancora qualche dubbio sulle potenzialità della piattaforma?
Vuoi iniziare a dar vita ad una nuova pagina aziendale e a formare i tuoi dipendenti per aiutarti a farti conoscere?
Sono sicura che nel 2021 non ti lascerai sfuggire tutte queste opportunità di fare business!

Un articolo di Pamela Nerattini

Formatrice e Consulente LinkedIn Freelance

www.linkedinmeraki.it

Le novità e le funzioni sconosciute su LinkedIn per le Company Page

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: