Marketing & Communication

Italia’s Growth Talent – Day 1. Luca La Mesa parla di strategie per creare una vera community

Prima giornata di Italia’s Growth Talent 2021 in veste di media partner. Cosa ci ha colpito? Tra gli interventi uno dei più interessanti e degno di nota è quello di Luca La Mesa “Strategie organiche, paid e di influencer marketing per creare una vera community“.
Luca La Mesa decide di puntare tutto sulla fidelizzazione dei fan e sul ruolo di una community solida e “affezionata” ai suoi corsi e ai materiali che mette a disposizione.
Focalizzandosi sulla sua esperienza personale in oltre 10 anni di attività, in questi appena 30 minuti cerca di ripercorrere le idee e i successi che l’hanno portato a diventare uno dei Social Media Strategist più importanti e più apprezzati non solo in Italia.

Strategie organiche, paid e di influencer marketing per creare una vera community

Partendo da dati e riflessioni sull’andamento dei suoi corsi, Luca La Mesa ha concepito il suo intervento in funzione della loyalty. Da questa fidelizzazione dei suoi studenti ha immaginato la possibilità futura di poter scambiare lavori e informazioni con loro. Come una sorta di collaborazione ciclica che, partendo da un qualsiasi corso seguito, sia in grado di costruire una connessione duratura nel tempo che potrebbe portare benefici futuri al suo business.
Per questo una componente importante del suo lavoro è costruita sul remarketing e il retargeting finale, che possono portare gli utenti che già fanno parte della community a confermare la partecipazione ad altri corsi o, nel tempo, acquistarne di nuovi.
Per questo motivo Luca La Mesa sceglie di “cambiare” la creatività e di insistere con educazione sull’acquisto di nuovi materiali di studio.
Ogni giorno chi fa questo lavoro si trova a lavorare con un numero limitato di clienti. Quindi l’impatto che bisogna generare non può essere solo relativo al business, ma deve essere anche un modo per creare legami ed espandere la community.
Da qui l’idea di spendere un po’ del tempo a disposizione per rispondere direttamente alle domande degli utenti e inviare loro video o audio che in qualche modo li facciano sentire vicini all’interlocutore e non solo dei numeri gestiti da un chatbot e affini.

L’importanza dello studio per il social media manager e per tutte le professioni digitali

Un’altra cosa su cui Luca La Mesa decide di focalizzarsi molto è l’importanza dello studio.
I Social Media evolvono troppo rapidamente e bisognerebbe dedicare almeno 1 ora al giorno allo studio delle nuove tendenze e delle nuove features.
Il primo punto di forza di un Social Media Strategist è quello di sapersi adattare rapidamente al cambiamento e riuscire a prendere in contropiede tutte le innovazioni che periodicamente i Social aggiungono.
Facendo sempre riferimento alla sua esperienza personale ha mostrato come l’adattamento in tempi rapidi ha potuto portare al successo molti dei suoi progetti nazionali e internazionali, facendoli poi diventare oggetto di studio e di interventi tipo questo.
I Social sono ovviamente una componente importante della nostra vita lavorativa e non. Per questo, seguendo una tendenza che parte dall’America, Luca La Mesa ha voluto sottolineare come, dovendo scegliere tra due o più alternative, si tende a scegliere quella con più followers.
Ad esempio: tra due attori a parità di fama, viene scelto quello con più followers sui social perché l’impatto che ha sulle persone è maggiore ma, soprattutto, perché viene visto e ricondiviso da un pubblico maggiore (a questo link: https://youtu.be/TIqRgr3f5JM trovi un video che approfondisce la dinamica appena descritta)
Tra progetti passati con molti dei più grandi marchi in circolazione e idee sul futuro della sua attività, Luca La Mesa ha concluso il suo intervento di circa 30 minuti, rispondendo a un paio di domande fatte dagli spettatori del talk.

Non confondere l’etica come un modo per generare lead

Parlando di come ha deciso di donare in beneficenza a 5 onlus i soldi di alcuni corsi, la domanda posta riguardava l’etica e di come intervenire affinché non venga concepita come un modo per generare Lead.
La risposta è stata praticamente in linea con quanto detto fino a questo punto:

Etica e valori sono due temi sempre a rischio. Bisogna sempre essere attenti a controllare che i progetti immaginati arrivino alle persone nelle modalità in cui sono stati pensati.

Questo per sottolineare il fatto che occorre un continuo monitoraggio del proprio lavoro e della propria utenza per tenere sotto controllo il modo in cui viene percepito ciò che facciamo e, soprattutto, se rispecchia le nostre reali intenzioni.
Non è facile condensare oltre 10 anni di lavoro e tutti i progetti in ballo in appena 30 minuti di Talk.
Luca La Mesa preferisce concentrarsi sui risultati ottenuti dai suoi corsi piuttosto che dare “lezioni” e suggerimenti più generali.
Il suo talk si muove tra casi di studio e una buona dose di autoreferenzialità, forse per sfruttare la notorietà che lo precede, senza perdere tempo in spiegazioni che, effettivamente, nel poco tempo a disposizione forse non avrebbe avuto modo di approfondire.


Molto interessante anche l’intervista a Luca La Mesa di qualche anno fa: Il segreto è cercare ogni giorno di imparare qualcosa. La Parola a Luca La Mesa


Italia’s Growth Talent – Day 1. Luca La Mesa parla di strategie per creare una vera community

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: