Marketing & Communication

Instagram rende privati gli account per gli Under 18

Instagram protezione minori

Instagram ha deciso di essere più attivo nella protezione della vita dei minori sulla sua piattaforma rendendo privati i loro account.

La piattaforma di Zuckerberg ha finalmente implementato le modifiche per rendere l’app più sicura per i giovani.

Se ne parlava fin da marzo, ma ora sono realtà.

I profili dei minori, dai 18 ai 16 anni, in alcuni paesi, saranno resi privati a prescindere come impostazione predefinita.

Potrà certamente essere cambiata, come condizione, ma già metterla di default è un nuovo inizio.

I minorenni già iscritti riceveranno una notifica che inviterà, senza alcun obbligo, a passare al profilo privato.

La sicurezza, per Instagram va promossa attivamente, soprattutto per i più giovani.

Già a partire da marzo prossimo Instagram comincerà a mostrare tutti gli aspetti positivi di un account non pubblico.

Infine c’è una nuova funzionalità molto interessante dovuta alle intelligenze artificiali, che è una funzione di blocco più celere da parte degli account dei minorenni che riconosce i comportamenti sospetti degli adulti potenzialmente pericolosi.

La società può infatti identificare “comportamenti potenzialmente sospetti” degli iscritti che, se reiterati, porteranno al divieto di interagire con i minori, sia via messaggio che nella visualizzazione delle foto pubblicate e nelle schede Esplora, Reels o Account suggeriti.

Norme che sinceramente tutti stavamo aspettando.

Che ne pensi?

Instagram rende privati gli account per gli Under 18

Contatti

SpremuteDigitali.com è un marchio proprietario di Seedble S.r.l. Seedble è una PMI innovativa parte del gruppo Symphonie Prime. Dal 2014 disegniamo e creiamo organizzazioni future-proof in grado di innovare, evolversi e adattarsi a tutti gli scenari socio-economici.

SEDE LEGALE E OPERATIVA:

Via Prisciano, 72 - 00136 Roma (RM)

ALTRE SEDI:

Via Canova 15, 6900 Lugano (CH)

Azienda
Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: