Startup & Entrepreneurship

Bonus Pubblicità, la proroga del Governo e le nuove condizioni

Bonus Pubblicità

Nelle scorse ore il Governo ha prorogato termini e condizioni per richiedere il Bonus Pubblicità. Tutte le novità sulle agevolazioni

Per tutte le persone che vogliono investire in pubblicità per la propria attività professionale o d’impresa, bisogna prendere in considerazione il “Bonus Pubblicità”. Questa agevolazione fiscale viene erogato sotto forma di credito legato a imprese e professionisti che fanno investimenti incrementali in pubblicità. 

L’obiettivo finale di queste agevolazioni è quello di incentivare e “stimolare” gli investitori a concentrarsi su campagne pubblicitarie in prospettiva di una ripresa del settore editoriale italiano. Nello specifico possono beneficiare di tali agevolazioni:

  • le imprese
  • i lavoratori autonomi
  • gli enti non commerciali.

Come è possibile capire, questi incentivi sono rivolti a un “pubblico” decisamente ampio, questo per favorire gli investimenti in campagne pubblicitarie ed affini.

Dal testo della normativa si legge che sono tutti investimenti AGEVOLABILI quegli investimenti per l’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su:

  • Giornali quotidiani e periodici (nazionali o locali), pubblicati in edizione cartacea o editi in formato digitale iscritti presso il competente Tribunale ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione e, in ogni caso, dotati della figura del direttore responsabile;
  • Emittenti radiofoniche e televisive locali iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione.

NON sono ammesse tutte quelle spese sostenute per altre forme di pubblicità come ad esempio: grafica pubblicitaria per cartelloni e volantini cartacei;  pubblicità per la cartellonistica stradale; quella su autovetture o apparecchiature di qualsiasi natura; pubblicità mediante affissioni di ogni genere come schermi cinematografici e affini; inserzioni pubblicitarie tramite social o piattaforme online ecc. 

Possono essere agevolate il totale delle spese per la pubblicità al netto dell’IVA se detraibile. Nel caso in cui l’IVA non fosse detraibile si può considerare l’ammontare complessivo della spesa pubblicitaria.

La proroga del Bonus Pubblicità 

Nelle scorse ore il Governo ha prorogato termini e condizioni per richiedere il Bonus Pubblicità, con un aumento del fondo dedicato che raggiunge, così, i 65 milioni di euro. In questa maniera sarà possibile richiedere nuovamente il credito d’imposta del 50% sulla pubblicità presentando la domanda tra il 1 e il 30 settembre 2021. 

Ovviamente tutte le richieste trasmesse tra il 1 e il 31 marzo 2021, nei tempi “regolari” per la richiesta del Bonus Pubblicità restano comunque valide.

Questa proroga fa parte dei provvedimenti all’interno del Decreto Sostegni Bis e rappresenta un’ulteriore grande occasione per tutti coloro che utilizzano la pubblicità per ampliare la propria attività e diffondere i propri servizi.

Come già detto il fondo ha raggiunto i 65 milioni di euro, aumentando di ben 15 milioni rispetto ai 50 previsti inizialmente dalle agevolazioni. 

Per presentare la domanda è necessario accedere sui servizi online dell’Agenzia delle Entrate e seguire la procedura guidata. Per qualsiasi informazione, comunque, è possibile consultare il sito ufficiale. 

Bonus Pubblicità, la proroga del Governo e le nuove condizioni

Iscriviti alla newsletter per leggere contenuti sempre freschi ed energetici

Articolo aggiunto ai tuoi preferiti

.

0:00:00

0:00:00

Condividi questo contenuto su: