Startup & Entrepreneurship

Stripe – 95 miliardi di azienda ancora da scoprire

Spremute Digitali Pubblicato: 22 Marzo 2021

Un’azienda che se non si è irlandesi o investitori nel campo tech ai più è sconosciuta, Stripe, una delle più grandi compagnie private della Silicon Valley ha raggiunto una valutazione di 95 miliardi di dollari all’ultimo round di finanziamenti della settimana scorsa.

Stripe è una azienda nata da due fratelli dell’Irlanda rurale, fondata nel 2010, è l’esempio lampante di quanto sia importante adocchiare le mancanze del mercato dove ci si vuole posizionare.

John e Patrick Collison non erano neanche entrambi maggiorenni quando la società è stata fondata. Hanno però avuto un’idea pensando a come, quando si trattava di fare acquisti sul web, tutte le persone che conoscevano avessero lo stesso problema: quanto è facile compravendere online? E quanto era difficile invece costruire un sistema che riuscisse a mettere in sicurezza il denaro dei consumatori?

La questione era particolarmente difficile, tenendo conto anche dell’alto tasso di truffe. Inoltre, pensare ad un sistema del genere risultava estremamente costoso, oltre che complesso.

Il Sistema Stripe

Prima del Digital payment, pagare online richiedeva account con diverse compagnie di credito, ritardi frustranti dovuti ai giorni lavorativi per sbrigare la procedura, account da venditori, e transazioni costosissime. Allo stesso modo varie alter startup non potevano essere finanziate facilmente per ragioni di tempo e costi.

I fratelli raccontano: “l’intera industria dei pagamenti era un chiaro esempio di come farsi rubare il business”.

L’idea, quindi, giunse da sola: la piattaforma fu costruita per rendere veloce e facile il pagamento online, come se questo comportasse semplicemente fare una spunta su un sito web. L’obiettivo fu quello di rendere semplice per ogni sito accettare pagamenti, senza richiedere licenze o accordi bancari. In cambio Stripe chiese una commissione del 2.9%. In pochissimo fu presa d’assalto da imprenditori grandi e piccoli. Tutto per aver sfruttato una occasione non colta da altri. Ad oggi vale 70 miliardi. A volte un’idea può davvero fare la differenza.