Future Trends & Tech

Maschere per rilevare il Covid, le nuove frontiere nella lotta al virus

Spremute Digitali Pubblicato: 20 Settembre 2021

Maschere per rilevare il Covid

Mentre il mondo continua a fronteggiare il Covid-19, gli scienziati hanno cercato di trovare nuovi modi per rilevare il virus più rapidamente. Recentemente, gli ingegneri del MIT e dell’Università di Harvard hanno progettato nuove maschere facciali in grado di rilevare se chi la indossa ha il Covid-19. Il tempo di azione è di circa 90 minuti. Le maschere sono integrate con minuscoli sensori usa e getta che possono essere inseriti ovunque e potrebbero anche essere adattati per rilevare diversi tipi di virus.

I sensori si basano su macchinari cellulari liofilizzati che il team di ricerca ha precedentemente sviluppato per l’uso nella diagnostica cartacea per virus come Ebola e Zika. È stato dimostrato che i sensori potrebbero essere incorporati non solo nelle maschere per il viso, ma anche in indumenti come i camici da laboratorio; offrendo potenzialmente un nuovo modo per monitorare l’esposizione degli operatori sanitari a una varietà di agenti patogeni o altre minacce.

Come funzionano le maschere per rilevare il Covid?

Stiamo parlando di un nuovo tipo di tecnologia che potrebbe essere il futuro della rilevazione biologica; una scoperta che potrebbe essere utilizzata nei settori più svariati dalla rilevazione di sostanze chimiche tossiche, fino al primo soccorso e via dicendo.

I nuovi sensori indossabili e la maschera diagnostica sono basati su una tecnologia che Collins ha iniziato a sviluppare diversi anni fa. Nel 2014, ha dimostrato che le proteine ​​e gli acidi nucleici necessari per creare reti genetiche sintetiche che reagiscono a specifiche molecole bersaglio potrebbero essere incorporate nella carta; da questa teoria ha utilizzato questo approccio per creare la diagnostica cartacea per i virus Ebola e Zika.

I ricercatori hanno depositato un brevetto sulla tecnologia e ora sperano di lavorare con un’azienda per sviluppare ulteriormente i sensori. La maschera facciale è molto probabilmente la prima applicazione che potrebbe essere resa disponibile a tutti.