Future Trends & Tech

La fine di un’epoca: chiude per sempre Internet Explorer

Spremute Digitali Pubblicato: 20 Maggio 2021

Chiude Internet Explorer

Internet Explorer chiude e il web dovrà abbandonare uno di quei programmi che, seppur criticato universalmente, è riuscito sempre a rimanere a galla. Ha resistito all’avvento di altri browser, di altri sistemi operativi e di qualunque altra tecnologia abbia riguardato internet; ma come tutte le cose “belle” prima o poi deve finire. E la fine del tanto “amato” programma è prevista per il 2022, quando Internet Explorer passerà ufficialmente a miglior vita e andrà nel paradiso dei software.

Poche ora fa l’annuncio che il 15 giugno del prossimo anno, l’applicazione Internet Explorer 11 sarà ritirata ufficialmente non più supportata. Per i nostalgici, tuttavia, ci sarà la funzione IE Legacy, già implementata in Microsoft Edge, che consentirà la visualizzazione di “siti arcaici” che richiedono un browser arcaico.

Internet Explorer chiude: storia di una fine annunciata

La fine di Internet Explorer non sorprende affatto perché, con l’avvento di Edge (e degli altri browser), il programma era stato relegato in un angolino del pc. Abbandonato a se stesso, mai utilizzato e lasciato là a ricordarci di quando tutto era più facile, soprattutto per i virus.

Già dal 2019 comunque Microsoft ha spinto gli utenti verso Edge; desiderosa di “rubare utenti alla concorrenza” e di far usare le impostazioni predefinite di Windows 10 agli utenti.

Questo è stato l’inizio della fine di Internet Explorer, tradito dai suoi stessi fondatori a beneficio del fratello più piccolo, più veloce e più accattivante.

Mai del tutto abbandonato, però, il browser sopravvive nei meandri del pc con gli utenti che devono fare una ricerca specifica per trovarlo e (coraggiosamente) utilizzarlo. A poco servirà la funzione Legacy che, probabilmente, verrà gradualmente abbandonata visto la vita breve dei siti considerati arcaici.

Comunque la fine del browser è vicinissima; per tutti quelli che ancora oggi si ostinano a navigare a bordo della sua traballante architettura, il suggerimento è quello di correre ai ripari e scegliere Edge o altri programmi concorrenti.

Che cosa resterà di Internet Explorer? I meme e tutta una serie di modi di dire entrati ormai nell’uso comune degli internauti di tutto il mondo. 

Addio IE, vai e insegna agli angeli a fare qualsiasi cosa tu facessi.