Startup & Entrepreneurship

Corporate Venture Capital – Perché le aziende si nascondono?

Spremute Digitali Pubblicato: 11 Giugno 2021

Corporate Venture aziende nascoste

molte aziende creano fondi di corporate venture capital indipendenti e spesso con brand diversi.

Perché lo fanno?

Ci sono almeno cinque ragioni.

Fare spin off degli investimenti in startup per superare i problemi interni comporta un rischio: perdere opportunità di business.

Andiamole quindi a vedere subito nel dettaglio:

Le 5 ragioni per cui una azienda investe in incognito

Snellire l’azione

I CVC hanno un processo decisionale abbastanza pesante e strutturato e spesso richiedono grandi passaggi interni (tiered process). In alcuni casi ci sono dei limiti di mandato. Avere una realtà indipendente può permettere a grandi aziende di muoversi più rapidamente ed essere competitiva sul mercato del venture capital.

Selezione Avversa

L’open innovation è di moda ormai, ma la realtà è che tra le startup migliori, poche sono davvero avvezze a entrare in tavoli di trattativa con le aziende. Una grossa corporation tra gli investitori può limitare le opzioni strategiche. L’Assenza di legame esplicito può dare una idea di ridotto conflitto di interesse.

Autonomia nel definire le strategie di investimento

Un fondo di CVC indipendente può investire in aree anche lontane dal core business dell’impresa e in aziende anche potenzialmente competitor.

Fundraising

Il requisito di indipendenza è cruciale se si vuole ambire a raccogliere fondi da investitori diversi da quelli che sarebbero associati già all’azienda proprietaria.

Competitività

Come già dicevamo, la competitività sul mercato del proprio fondo di venture capital va in contrasto con le necessità di una corporation grande.

Reclutare persone dentro all’azienda può portare a situazioni sub-ottimali per mancanza di competenze e esperienze specifiche.

Costruire un fondo di venture estraneo può rimuovere la maggior parte degli ostacoli burocratici e di mission che evitano di raggiungere l’eccellenza in quel campo.

L’esternalizzazione, quindi, sta diventando uno strumento, insieme al rebranding, fondamentale per mantenersi sul mercato a pieno regime e prendere una posizione di vantaggio, sta solo alle aziende posizionarsi correttamente.