Future Trends & Tech

AWS DeepRacer: il futuro riparte dalle auto in miniatura

Spremute Digitali Pubblicato: 30 Aprile 2021

Nel 2018, Amazon lanciò AWS DeepRacer, una piccola automobile gestita da un’intelligenza artificiale addestrata a girare in un ambiente virtuale. Da allora il progetto si è allargato arrivando a dare vita anche a un campionato con nuove auto da corsa in miniatura. Da oggi, il software di DeepRacer, è stato reso open source dal colosso dell’e-commerce.

Così facendo la società lascia agli sviluppatori la possibilità di modificare il comportamento delle proprie automobiline, consentendo anche lo sviluppo di molti nuovi prototipi di App per la gestione dei vari protocolli che, magari, potranno anche migliorare i prodotti già esistenti.

Sui propri canali ufficiali, il team di Amazon ha scritto: “vogliamo rendere più facile per gli sviluppatori di tutti i livelli la prototipazione di nuovi modelli per la loro auto, rendendo il software del dispositivo AWS DeepRacer aperto a tutti, in modo che chiunque abbia un’idea possa renderla reale.  Vuoi impedire ad altre auto di sorpassarti? Vuoi implementare il tuo algoritmo personalizzato per rendere la tua auto più veloce? Hai solo bisogno di sognarlo e codificarlo. Non vediamo l’ora di vedere le idee che vi vengono in mente.”

Automazione e automobili del futuro, Amazon pensa in grande

L’emergenza sanitaria in corso ha migliorato moltissimo il mondo dell’automazione e della robotica aziendale, portando a una serie di innovazioni molto interessanti.

Secondo gli studiosi, sembra che il mercato dei robot crescerà di oltre il 26% nei prossimi anni, per raggiungere i 210 miliardi di dollari di investimenti entro il 2025.

Inoltre, dal 2019, la vendita di robot ad uso aziendale è aumentata di oltre un milione di unità, con un guadagno che supera i 16 miliardi di dollari.

Non sorprende, dunque, che anche il colosso dell’e-commerce abbia puntato i radar sul mondo della robotica, partendo proprio da DeepRacer e dalla sua community che sta dando vita a una serie interessantissima di progetti che, probabilmente, verranno presentati anche nei futuri interventi sul tema.

Tra i progetti più interessanti messi in piedi da Amazon, riguardo le “automobiline” c’è la collaborazione con Udacity, per offrire corsi di machine learning e borse di studio basate proprio sul progetto DeepRacer. L’obiettivo finale è quello di formare gli studenti e portarli alla creazione di modelli di apprendimento basati, sì, su queste mini corse automobilistiche ma che, in futuro, potranno essere usati anche per risolvere altri problemi come, ad esempio, quelli legati alla guida autonoma e alle tecnologie del settore automotive.