Future Trends & Tech

Abel, il primo robot che cerca di comprendere gli umani

Spremute Digitali Pubblicato: 18 Maggio 2021

Abel robot

Abel, è questo il nome del nuovo robot umanoide che somiglia a un dodicenne e sa parlare, ragionare e capire le emozioni umane.

L’androide è stato realizzato dai ricercatori del Centro di Ricerca “E. Piaggio” dell’Università’ di Pisa in collaborazione con la Biomimics di Londra; che ha realizzato alcuni di più famosi dei più famosi protagonisti del cinema come, ad esempio, i dinosauri di Jurassic Park.

Abel è un umanoide sia per le sue sembianze che per suo comportamento. Si muove come un essere umano e, soprattutto, interagisce e si comporta come una persona. Lo stesso discorso vale per il suo modo di percepire le cose che lo circondano. Questo robot è il risultato di sofisticate operazioni di robotica e intelligenza artificiale, unite a un pizzico di effetti speciali. 

Abel, cosa è in grado di fare il piccolo robot?

Abel è completamente autonomo ed è in grado di interagire e studiare il suo interlocutore percependone diversi elementi. Così facendo il robot riesce a dedurre le emozioni dell’essere umano e comportarsi di conseguenza. Grazie ai suoi sofisticati sensori può rilevare battito cardiaco, temperatura, movimenti del viso e molto altro ancora; tutti fattori indispensabili per comprendere lo stato d’animo del suo interlocutore, forse, meglio dell’essere umano stesso.

Abel è anche in grado di fare ragionamenti astratti e deduttivi oltre che formulare delle ipotesi. In pratica si interroga sulle azione che compie la persona che ha davanti e cerca di capire il perché di una determinata azione. 

Ma non stiamo parlando solo di un “passatempo” con cui dialogare. Abel infatti potrà essere usato per studiare le reazioni di pazienti affetti da determinate patologie e capire quale possa essere la risposta migliore alle sua domande. Per i pazienti malati di Alzheimer, ad esempio, si potranno studiare comportamenti e trattamenti più efficaci per i loro bisogni. 

Stiamo parlando di un progetto molto ambizioso che può avere potenzialità illimitate, basta solo immaginare e parlare con lui, il resto verrà da solo.